PONTONI FALCONSTAR A VICENZA PER UN’ALTRA OPERAZIONE RISCATTO. FIDUCIA E SERENITA’ INTATTE DOPO IL KO CON LA VIRTUS PADOVA

PONTONI FALCONSTAR A VICENZA PER UN’ALTRA OPERAZIONE RISCATTO. FIDUCIA E SERENITA’ INTATTE DOPO IL KO CON LA VIRTUS PADOVA

Nuova operazione riscatto per la Pontoni Falconstar che ancora una volta dovrà cercare di recuperare in trasferta i punti persi tra le mura per il momento non amiche del PalaPaliaga. Oggi alle 18.30 al palasport di Vicenza contro una Civitus Allianz protagonista di un brillante avvio di campionato capitan Medizza e compagni proveranno a mettersi alle spalle il ko con Padova come fatto due settimane fa a Capo d’Orlando dopo la sconfitta con Brianza. Sarà come detto un impegno tutt’altro che facile dato che Vicenza, che ha cambiato poco nel corso del mercato estivo, ha già trovato la quadratura e la sta facendo valere, nonostante il calendario non facile (già in archivio le 3 trasferte siciliane previste). “Vicenza ha sicuramente cominciato molto bene il campionato, ha equilibri e gerarchie ben definite essendo la stessa squadra della scorsa stagione – conferma coach Praticò – con giocatori che, da Cernivani in giù, conosciamo molto bene. E’ un gruppo che ha fiducia e tranquillità e lo si denota dal fatto che riesce a rimontare anche svantaggi importanti, sono bravi a cambiare la partita da un momento all’altro e per questo ancora più di sempre dovremo essere pronti e reattivi per tutti i 40′, facendo molta attenzione a tutti i dettagli”. Anche in casa Pontoni, nonostante l’avvio complicato, non manca la fiducia né si è persa serenità, c’è la consapevolezza di aver perso un’occasione importante per essere più avanti in classifica ma anche di avere le qualità per giocarsela con tutti fino all’ultimo possesso, come con la Virtus. La squadra che si è allenata bene in settimana, sempre al completo se si esclude una seduta di allenamento senza Medizza (taglio a un occhio dopo una botta, ma niente che ne pregiudichi il posto in quintetto stasera). Una settimana che è servita a coach Praticò per provare quintetti nuovi e nei quali i giovani possano essere sempre più protagonisti. “Le prime partite ci hanno detto che spremere i senior per troppi minuti è la soluzione più facile ma può essere controproducente – continua il tecnico triestino – detto che certamente dovremo approcciare bene la partita e non prendere lo schiaffone iniziale per svegliarci, dovremo essere pronti, io per primo, a trovare soluzioni diverse. In settimana abbiamo messo di più la palla in mano agli under che gradualmente, ma con costanza, dovranno prendersi responsabilità nei giochi e nei tiri. La gara con la Civitus comunque ce la giocheremo soprattutto in difesa, togliendo ai veneti i tiri aperti da 3 punti, anche in transizione, che sono il loro punto di forza. Dovremo fare una partita completa, da 80-90 di valutazione di squadra, per vincere l’incontro, e questo vuol dire che ogni palla persa ci costerà cara, quindi massima attenzione al trattamento di palla”.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.