PONTONI FALCONSTAR FUORI DALLA SUPERCOPPA SENZA RIMPIANTI. TANTO LAVORO DAVANTI MA ANCHE BUONI SEGNALI DAI GIOVANI

PONTONI FALCONSTAR FUORI DALLA SUPERCOPPA SENZA RIMPIANTI. TANTO LAVORO DAVANTI MA ANCHE BUONI SEGNALI DAI GIOVANI

Senza troppi rimpianti per l’uscita anticipata dalla Supercoppa la Pontoni Falconstar è tornata al PalaPaliaga per riprendere la preparazione in vista del vero obiettivo, quello di essere pronta per la prima di campionato, domenica 2 ottobre a Ragusa. La gara di Mestre, peraltro affrontata in condizioni precarie tra assenze e ritardi di condizione, ha dimostrato che serve molto lavoro di gruppo per trovare l’intesa tecnica tra il parco giocatori già rodato e i ragazzi che si affacciano per la prima volta su un palcoscenico così importante, di alto livello, come la serie B. Ergo, nei prossimi allenamenti servirà accelerare questo processo. “Dobbiamo lavorare ancora tanto, ma lo sapevamo – riconosce coach Praticò – per le nostre caratteristiche strutturali abbiamo bisogno di costruire nel tempo, passo dopo passo, un equilibrio tecnico forte, non siamo una squadra pronta all’uso. Abbiamo due gruppi ben distinti al momento, gli esperti e i giovani, tra i quali c’è ancora molto divario. L’obiettivo è ridurlo in fretta. Anche per questo a Mestre ho ruotato tutti gli uomini sin dall’inizio, abbiamo bisogno di trovare una condizione generale uniforme, cosa che ancora manca visto che solo nei giorni precedenti la gara siamo riusciti ad allenarci tutti insieme”. In questi giorni lo staff tecnico con il preparatore atletico Riccardo Tossut procederà tra sedute differenziate sotto il profilo fisico-atletico, considerando che qualcuno deve recuperare terreno, e allenamenti di basket vero e proprio alla ricerca dell’amalgama. Come da tabella di marcia si aumenterà la qualità del lavoro a discapito della quantità, molto intensa nelle prime 3 settimane quando la Falconstar ha caricato molto le gambe con 8 sedute settimanali. Al di là del risultato, al PalaVega si sono comunque visti lampi dei giovani che lasciano ben sperare. “Abbiamo degli under molto bravi e talentuosi – conferma il coach – chiaramente sono alla loro prima esperienza in serie B ma capaci già di affrontarla con la testa giusta. In questa fase mi interessa soprattutto verificare approccio e atteggiamento, e sono quelli che mi aspettavo. Gli automatismi li troveremo con il lavoro in palestra”.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.

CAMPIONATO 2022/23 0 Giorni 20 Ore 15 Minuti 57 secondi
Tickets